Intervista a Gabriele Barucca, curatore della mostra